Comune di Bernalda (MT)

DSC_0856
DSC_0863
Bernalda (Metaponto)_01_Tavole Palatine
bernalda6
2696 Palatine 07-07
DSC_0866
Metaponto_-_Scultura_lido
DSC_0906
gabbiani
30052011004
DSC_0881
30052011007
30052011003
2446 Torre Mare 07-07
6e55001f63
orig_004828
bernalda2
DSC_0907
Metaponto_Lido
DSC_0868
metaponto01
007_Spiaggia jonica
DSC_0878
Bernalda_(MT)_-_Corso_Umberto_I
2249 Bernalda 07-07
DSC_0905
municipio di bernalda
mare magna grecia
6cc8953aef501a51b704089234e26d1c4c8b783d6d699

Alluvione Dicembre 2013

http://www.protezionecivilebasilicata.it/protcivbas/section.jsp?sec=105945
Schede rilevazione danni – ordinanza 151/’13
I Cittadini possono utilizzare le schede tipo B e C; B per danni alle abitazioni e C per danni alle attività economiche.
Scadenza 9 maggio 2014

Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni 7 ed 8 ottobre 2013

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - Ordinanza 08 febbraio 2014, n. 145

Nomina Commissario e piano degli interventi

1. Per fronteggiare l'emergenza derivante dagli eventi calamitosi di cui in premessa, il Dirigente dell'Ufficio Protezione Civile della Regione Basilicata è nominato Commissario delegato.

2. Il Commissario delegato, può avvalersi dei comuni interessati, della Provincia di Matera nonché delle strutture organizzative della Regione Basilicata, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

3. Il Commissario delegato predispone, nel limite delle risorse finanziarie di cui all'art. 4, entro venti giorni dall'emanazione della presente ordinanza, un Piano degli interventi da sottoporre all'approvazione del Capo del Dipartimento della protezione civile. Tale piano deve contenere:

a) gli interventi di soccorso e di assistenza alla popolazione;

b) gli interventi urgenti già completati ovvero da completare.

4. Il Piano di cui al comma 3 deve, altresì, contenere la descrizione tecnica di ciascun intervento con la relativa previsione di durata, nonché l'indicazione delle singole stime di costo.

5. Il predetto Piano può essere successivamente rimodulato e integrato, nei limiti delle risorse di cui all'art. 4, previa approvazione del Capo del Dipartimento della protezione civile.

6. Le risorse sono erogate agli enti locali previo resoconto delle spese sostenute ed attestazione della sussistenza del nesso di causalità tra l'evento calamitoso in argomento ed il danno subito.

Leggi tutto...

 

Condividi contenuti